Work as Curator

All colors of the world Exhibition

“TUTTI I COLORI DEL MONDO”, Esposizione curata da GIULIA BAITA

Tutti i colori del mondo” è un Contest promosso da me allo scopo di selezionare 20 immagini di artisti mobili che saranno esposte in una Mostra a Cagliari nello splendido spazio polifunzionale nel cuore della città: la MEM Mediateca del Mediterraneo.

La mostra ha lo scopo di mostrare il meglio dell’arte mobile da tutto il mondo ed evidenziare l’aspetto internazionale di questo movimento artistico.

La Mobile Art è nata 11 anni fa negli Stati Uniti con il primo iPhone e le prime app di editing. Oggi la rivoluzione tecnologica dell’ultimo decennio e la diffusione di massa di dispositivi mobili (iPhone, iPad, smartphone in genere) in tutto il mondo hanno reso questa forma artistica fruibile ovunque. Internet e i social network hanno fatto il resto.

Non ci sono confini, non ci sono muri, non ci sono persone troppo lontane. Tutto è vicino e facilmente accessibile. Posso comprare a Los Angeles, vendere a Beirut, collaborare con artisti a Istanbul. Il web non risolve i problemi di coesistenza, differenze culturali, disparità economiche, ma è un’opportunità.

Un’occasione per conoscersi e dialogare.

La Mobile Art è nata con questo carattere internazionale che è fondamentale per capirlo. Ma soprattutto è una comunità. Una comunità di artisti che condividono immagini e quindi emozioni, culture, idee, problemi, sogni diversi. Gli artisti mobili partecipano a mostre internazionali, organizzano seminari, creano corsi di arte mobile da molti anni.

La Mobile Community è una realtà viva, piena di talenti, idee e risorse di ogni tipo. È un esempio di globalizzazione nel mondo dell’arte contemporanea.

Cagliari, una città al centro del Mediterraneo, luogo di incontro millenario di popoli diversi in termini di cultura, religione, storia, é un sito espositivo perfetto per una mostra a carattere internazionale. E soprattutto la MEM, che si trova in un centro polifunzionale dedicato al Mediterraneo, anticamente luogo di scambi culturali tra fenici, egiziani, antichi romani e greci, oggi aperto al traffico internazionale, sembra lo spazio ideale per questa Esposizione.

“Tutti i colori del mondo” vuole essere un tema propizio per il futuro.

Apriamo questo nuovo decennio con un’idea: l’arte non ha confini, l’arte comunica e riunisce popoli diversi, l’arte è un linguaggio universale che parla la stessa lingua.

Tutti i colori del mondo.

Adoriamo tutti i colori del mondo, anche quelli che non conosciamo, anche quelli che non abbiamo mai visto. Perché tutti gli uomini hanno un profondo desiderio di pace e fratellanza.

Tutto ciò può essere un’utopia, ma le utopie hanno cambiato il mondo.

I giudici che selezioneranno le 20 immagini sono professionisti di lunga esperienza. È un onore per me collaborare con Clint Cline, Eliza Tsitsimeaua-Badoiu, Manuela Matos Monteiro, Gianluca Ricoveri.

Per qualsiasi informazione scrivere a mobileartca@gmail.com

“ALL COLORS OF THE WORLD”

“All colors of the world” is a Contest that intends to select 20 images of mobile artists and then an Exhibition that will take place in Cagliari (Italy) in a wonderful multipurpose space in the heart of the city, the MEM Mediateca del Mediterraneo.

The exhibition aims to show the best of Mobile Art from all over the world and highlight the international aspect of this artistic movement. Mobile Art was born 11 years ago in the USA with the first iPhone and the first editing apps. Today the technological revolution of the last decade and the mass spread of mobile devices all over the world have made this artistic form truly usable everywhere. Internet and social networks, did the rest.

There are no borders, there are no walls, there are no people too far away. Everything is close, usable, easily accessible. I can buy in Los Angeles, sell in Beirut, collaborate with artists in Instanbul. Web does not solve problems of coexistence, cultural differences, economic disparities, but it is an opportunity. An opportunity to get to know each other and to dialogue.

Mobile Art was born with this international character which is fundamental to understanding it. But above all it is a community. A community of artists who share images and therefore emotions, different cultures, ideas, problems, dreams. They participate in International Exhibitions, organize workshops, create Mobile Art courses. The Mobile Community is a living reality, full of talents and ideas and resources of all kinds. It is an example of globalization in the world of contemporary art.

Cagliari, a city in the middle of the Mediterranean, a place of millennial meeting of different peoples in terms of culture, religion, history, becomes an exhibition site for an Esposition with an international character. And above all the MEM gallery, which is located in a multipurpose center dedicated to the Mediterranean as a place of trade and cultural exchanges between Phoenicians, Egyptians, ancient Romans and Greeks once and today open to international traffic, it seems the perfect place for this Exhibition.

“All colors of the world” wants to be an auspicious theme for the future.

We open this new decade with an idea: art has no boundaries, art communicates and brings together different peoples, art is a universal language that speaks the same language.

All the colors of the world.

We love all the colors of the world, even the ones I don’t know, even the ones I’ve never seen. Because all men have a deep desire for peace and brotherhood.

All of this may be a utopia, but utopias have changed the world.

I am looking forward to seeing your work. The judges who will observe your images are highly professional and long experienced artists. It is an honor for me to collaborate with Clint Cline, Eliza Badoiu, Manuela Matos Monteiro, Gianluca Ricoveri.

For any information you can write to mobileartca@gmail.com

The Beauty Myth Exhibition

Su Sky Arte un articolo riguardo la mostra che inauguro domani a Milano. The Beauty Myth.

The Beauty Myth – COSASIFA

7366DD57-E2AD-4D0D-8AD1-D12E04ABAFF7

“The Beauty Myth” Exhibition

This exhibition aims to reflect on the beauty Myth in our age through the eyes of mobile artists.

Mobile artists are artists who get images of art through their phone or their iPad. This new form of Contemporary Art is called Mobile Art. It spreads through social media and photography sites and comes from the photography edited with apps on the phone.

The beauty Myth is an interesting theme because it allows us to express the sense of beauty in our age through unusual means for an artistic product, that is an iPhone or a smartphone in general.
Beauty represents an idea, a goal for some, a reality. The beauty myth has fascinated us since ancient times, when a war broke out because of the most beautiful woman in the world. Narcissus, instead, in love with his own image reflected in a pool of water, died trying to grasp it.
Today the beauty pmyth has become a source of frustration for those women who do not know how to value their bodies or do not adhere to those canons that the advertising transmits to us. A series of problems and a lack of self-acceptance resulted.
Yet beauty has an essential intrinsic value. Beauty, in the most general sense of the term, is beauty of soul, it is to see everything with a childish eye and be amazed at things. The beauty myth generates curiosity and the desire to look at the world with new eyes. Beauty is that Energy that each of us possesses and that awaits only the way to come out to generate new Energy.

And this is Life.

 

“The Beauty Myth” Mostra.

Questa esposizione intende riflettere sul mito della bellezza nella nostra epoca attraverso gli occhi degli artisti mobili. Gli artisti mobili sono artisti che ottengono immagini d’arte attraverso il loro telefono o il loro iPad. Questa nuova forma di Arte Contemporanea si chiama Mobile Art. Essa si diffonde attraverso i social e i siti di fotografia e nasce dalla fotografia editata con le apps sul telefono. Il mito della bellezza costituisce un tema interessante perché consente di esprimere il senso della bellezza nella nostra epoca attraverso mezzi inconsueti per un prodotto artistico, cioé un iPhone o uno smartphone in genere.
La bellezza rappresenta una idea, una meta per alcuni, un obiettivo, una realtá. Il mito della bellezza ci ha affascinato fin dai tempi antichi, quando scoppiò una guerra a causa della donna piú bella del mondo. Narciso, addirittura, innamorato della propria immagine riflessa in una pozza d’acqua, morì cercando di afferrarla.
Oggi il mito della bellezza é diventato fonte di frustrazione per quelle donne che non sanno valorizzare il proprio corpo o non aderiscono a quei canoni che la pubblicitá ci trasmette. Ne sono derivati una serie di problemi e una mancanza di accettazione di sé.
Eppure la bellezza ha un valore intrinseco irrinunciabile. La bellezza, nel senso piú generale del termine, é bellezza d’animo, é vedere tutto con occhio infantile e stupirsi delle cose. Il mito della bellezza genera curiositá e la voglia di guardare il mondo con occhi sempre nuovi. La bellezza é quella Energia che ognuno di noi possiede e che aspetta solo il modo di venir fuori per generare nuova Energia.

E questo è Vita.

Gruppo Facebook

What is Mobile Art?8E082A41-1722-4CAD-B025-19F888F6CE13.jpeg

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: